Vassoio nuziale Aymara : Diderot e Oscar Wilde sulle Ande.

L’artigiano deve fare un vassoio perché tra gli Indios Aymara del Sudamerica è usanza  far girare
tra gli invitati alle nozze un vaso per raccogliere offerte in denaro. Il vassoio sostituisce la nostra banale ‘lista di nozze’.
A volte i fidanzati sono così poveri che per loro nulla è meglio del dono di qualche soldo; come usarlo lo sanno benissimo gli sposi.

L’artigiano sceglie un solido blocco di legno stagionato e ne ricava un vassoio.
Adesso però deve inventare qualcosa che trasformi questo normalissimo scodellone di legno …

 

zero

 

… in un vassoio nuziale. Qualcosa che simboleggi il matrimonio, che rappresenti i due novelli sposini.Che cosa pensa ?
Un uomo e una donna che si tengono per mano ? No.
Gli innamorati che si abbracciano ? Nemmeno.
Allora magari due mani che si stringono ?
due cuori intrecciati ?due anelli di nozze ?

 

No, lui inventa qualcosa degno di un raffinato illuminista francese .. degno di un ironico umorista inglese …
Diderot e Oscar Wilde in uno sperduto villaggio andino :
inventa due buoi che avanzano sotto il peso di un giogo.

 

1

 

Il matrimonio come l’accettazione di un giogo che peserà per tutta la vita, ma che però è bello sopportare avanzando insieme verso il futuro :

 

best

 

Trovo questa invenzione un capolavoro : fonde in un unico umile oggetto sia una sorridente ironia,
sia la tenera comprensione e rappresentazione delle gioie-e-dolori che inevitabilmente la vita riserva
a chi incomincia oggi quel lungo cammino.

Senza bisogno di parole dice agli sposi : “Non sarà tutto rose e fiori, spesso sarà fatica dura e penosa,
proprio come portare un pesante giogo sulle spalle.
Però sarà bello per voi due fare insieme, vicini, questo viaggio che iniziate proprio oggi”.

 

3

 

Chi ha creato questo vassoio nuziale è un umile artigiano andino, magari nemmeno un falegname :
forse solo un contadino o un pastore che intaglia il legno nei mesi in cui non si lavora all’aperto.

Però è un genio. E io lo ringrazio di avermi regalato in un blocco di legno intagliato
la sintesi di decine di volumi di antropologia andina e di storia della arte popolare mesoamericana.
Questo è il genio e questo è un oggetto che racconta una storia.

 

P.S.

Mi rassicura la presenza di un oggetto identico nel prestigioso ‘National Museum of American History’ allo Smithsonian di Washington :

smithsonian

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>